Text Link

Tappa

55

Bivacco Pian del Lago - Rifugio Schiazzera

Lunghezza
27.5
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
912
m
-
1164
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50388504
{"center_lon": 10.181059999999999, "zoom": 11.666726003206158, "center_lat": 46.310124}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa piuttosto lunga nel chilometraggio, ma di veloce percorrenza: non ci sono dislivelli significativi e il sentiero è sempre ben percorribile.

Il Lago di Schiazzera e il Laghetto di Pian Fusino sono le meraviglie del giorno, prima arrivare al mitico rifugio, bellissimo e sempre vivo.

Note particolari

Punti d’acqua assenti da località Carette fino al Rifugio Schiazzera: portarne buona scorta.

Bellezza
periodo
Giugno - Settembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
PERCORSO

Perdiamo quota (350 m D- circa) verso il Rifugio Malghera. Giunti al rifugio e visitato il bel Santuario della Madre delle Misericordie, continuiamo percorrendo a mezzacosta l’intera Val Grosina Occidentale. Il tratto è lungo e un po’ monotono, ma scorre veloce grazie alla comoda carrozzabile. Giunti a località Carette, torniamo su sentiero e cominciamo una breve salita (250 m D+ circa) nel bosco; quindi, ritorniamo su traverso in leggero saliscendi, molto panoramico, affacciato sul lontano Adamello e sulle Orobie. 

Superiamo il Bivacco Salina (che offre un po’ d’ombra e riposo ai più stanchi) e  continuiamo in traverso; una rampa breve ma intensa (100 m D+ circa) ci porta al Monte Croce (chi vuole accorciare può scendere direttamente al Rifugio Schiazzera, in mezz'ora).

Continuiamo verso nord, su una ben tenuta strada militare fatta di pietre, e risaliamo (100 m D+ circa) il crestone della Forcoletta; quindi, in saliscendi a mezzacosta, aggiriamo dall’alto il Pian Fusino. Più in basso, spunta il delizioso Laghetto di Pian Fusino, circondato da rododendri. Giungiamo in breve al Lago Schiazzera, in ambiente selvaggio, dominato a sud-est dall’imponente Monte Masuccio (2.816 m). I più audaci possono provare un tuffo.

Infine, attraversando alcuni ampi pianori, scendiamo (350 m D- circa) comodamente verso il Rifugio Schiazzera. 


COSA SAPERE

Siamo in aree che un tempo erano assai interessate dal contrabbando (soprattutto di caffè): l’alta Val Saiento consente infatti un passaggio relativamente facile alla Valle di Poschiavo (attraverso il Passo Portone), motivo per cui molti dei sentieri attuali derivano da quelli battuti dagli “spalloni”, spesso inseguiti dai Finanzieri: il Rifugio Schiazzera stesso  nasce da una ex caserma della Guardia di Finanza.


Incerte sono le origini del costume tradizionale di Grosio, di stile orientaleggiante, ancora oggi indossato dalle donne più anziane. Si racconta che la sua provenienza sia legata ai numerosi contatti con la Repubblica di Venezia. Non solo molti degli abitanti di Grosio si arruolavano nell’esercito della Serenissima, ma nella seconda metà del XVII secolo numerosi artigiani grosini emigrarono a Venezia, dove diedero ampie dimostrazioni della loro maestria, tanto da indurre la Serenissima a fare loro un insolito dono: schiave pregiate provenienti dall’Armenia, celebri per la loro altera bellezza.

COSA VEDERE

In Val Grosina, nella località Dosso dei Castelli, è possibile inoltrarsi nel Parco delle Incisioni Rupestri di Grosio.

La Rupe Magna è un autentico gioiello, un enorme masso pieno di incisioni (quasi 5000!) databili dal IV al I millennio a.C.

Per maggiori info, orari e biglietti, si veda il seguente LINK.

COSA MaNGIARE

La pestada è l’ingrediente magico che rende speciale qualsiasi piatto locale.

Si tratta di un insaporitore fatto in casa, un battuto di aglio, pepe, sale, foglie di achillea nana e di timo serpillo.

Ogni famiglia ha la sua ricetta segreta e spesso viene aggiunta della grappa o del vino.  

DOVE DORMIRE

Bivacco Grassello, nel traverso lungo la Val Grosina Occidentale; solo tavoli e panche, con stufa. Sempre aperto.

Bivacco Alpe Salina, nel traverso verso il Monte Croce; struttura spartana, dotata di stufa e 6 posti letto. Sempre aperto.

Rifugio Schiazzera, in alta Val Saiento. Tel. 347 260 8250 - 333 529 4429

COME ARRIVARE

Punto di partenza NON raggiungibile in macchina.

La località raggiungibile in macchina più vicina è Malghera.


Punto di partenza NON raggiungibile in bus.

La località raggiungibile con il bus più vicina è Grosio, partendo dalla cittadina di Tirano. 

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Al Rifugio Schiazzera si respira aria di festa. Un vecchietto attacca una canzone popolare e tutti i giovani volontari lo seguono a ruota”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni