Text Link

Tappa

283

Casellone Forestale di Monte Cocuzzo > Piano Lago

Lunghezza
26.6
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
448
m
-
954
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
66386225
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa di buona lunghezza, caratterizzata da lunghi tratti su asfalto e una parte centrale molto piacevole, tra boschi di conifere.

Note particolari

Gli ultimi km di tappa si svolgono su una provinciale a scorrimento veloce: prestare attenzione.

Unico punto acqua a Potame, a metà tappa: portarne buona scorta.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Dal Casellone forestale di Monte Cocuzzo ci incamminiamo sulla strada asfaltata, in leggera salita, quindi prendiamo una comoda strada forestale che scende (100 m D- ca.) fino a ritrovare l'asfalto. Proseguiamo così per diversi km, in saliscendi quasi impercettibile, superando un parco avventure e giungendo all'abitato di Potame, caratterizzato dai murales colorati (le cosiddette "case parlanti") e dall'architettura a tratti alpina.

Lasciato il paese, ci stacchiamo dalla strada asfaltata e oltrepassando una catena prendiamo un largo sentiero che ci porta in breve a un'ampia radura; da lì attacchiamo una ripida salita (150 m D+ ca.) su una sterrata fatta di pietre, al termine della quale godiamo di un bel paesaggio aperto sulla Piana di Cosenza e i monti della Sila. Proseguiamo in piano su agevole sterrata, alternando tratti aperti a passaggi nel bosco di pini e larici. Arrivati a un incrocio, tiriamo diritto per poi prendere la sterrata che scende in traverso sulla destra, sul versante meridionale del monte Serratta: iniziamo così la lunga discesa (500 m D- ca.).

Il tracciato è a momenti invaso dalla vegetazione (in parte rovi) e dobbiamo farci strada fino a sbucare nuovamente sull'asfalto e continuare a perdere quota. Superiamo alcune frazioni, infine sbuchiamo sulla provinciale e la prendiamo verso sinistra, seguendola per diversi km fino ad arrivare al paesino di Piano Lago.


COSA SAPERE

Non distante da Piano del Lago c’è la valle in cui scorre il fiume Savuto, probabilmente il fiume Ocinaros per i Greci, alla cui foce era presente l'antica città di Temesa.

Il fiume è noto per aver causato la morte di Isabella d'Aragona, moglie di Filippo III di Francia, nel XIII secolo. Mentre era di ritorno dall'ottava crociata, insieme al marito e con il figlio in grembo, cadde da cavallo e pochi giorni dopo morì.


Originario della vicina Marzi è Mauro Fiore, direttore della fotografia, naturalizzato statunitense, che nel 2010 ha ricevuto l'Oscar per la migliore fotografia nel film Avatar di James Cameron.


COSA VEDERE

Numerose sono le lavorazioni artigianali tradizionali locali, tra cui l'arte orafa di Burrascano Creazioni e le creazioni di Tutti Telemaco, un artigiano ceramista esperto anche nella realizzazione del classico presepe calabrese.

COSA MaNGIARE

La valle del Savuto è un'area storicamente votata alla produzione di vino. In particolare, il Savuto DOC è un vino rosso già apprezzato dai patrizi romani (con vino e legname venivano pagate le tasse imperiali).

Tradizionalmente coltivato alle pendici nord-occidentali del Massiccio del Reventino, si fa risalire la sua produzione con le viti ad alberello al III secolo a.C., da parte della popolazione dei Bruzi. Apprezzato anche dai viaggiatori come Duret de Tavel, il Savuto è rimasto un vino di classe elevata, grazie alla produzione affinata nei secoli. È caratterizzato dai profumi di sottobosco e liquirizia e da un tannino setoso che ne il gusto avvolgente.

Le versioni Classico e Superiore subiscono un invecchiamento di almeno tre anni. Esistono anche le versioni di rosato e di bianco, dal gusto pieno e delicatamente sapido.


DOVE DORMIRE

Albergo Carpino, a Piano Lago. Tel. 0984 969000

Hotel Bruni Snc, a Piano Lago. Tel. 0984 969649

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza NON raggiungibile in bus.

La località raggiungibile con il bus più vicina è Mendicino, partendo dalla città di Cosenza.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.



“A volte ci troviamo circondati dai greggi, coi cani da pastore che ci aprono un varco tra le capre”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO