Text Link

Tappa

242

Piedimonte Matese > Faicchio

Lunghezza
22.3
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
1217
m
-
1224
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
65528456
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Siamo nel cuore del Massiccio del Matese.

Tappa di notevole dislivelli, sia positivo che negativo, principalmente all'ombra di meravigliosi faggi; la cima del Monte Sant'Angiolillo e la successiva cresta regalano uno scenario mozzafiato che in giornate limpide arriva fino al Golfo di Napoli, Vesuvio e Capri compresi.

Note particolari

Il percorso è quasi completamente all'ombra e, nonostante la pendenza della salita e della discesa, non presenta grandi criticità fino al km 17, dove scompaiono i segnali CAI e il sentiero si ricopre di rovi ed erba alta. Lì, a quel bivio (all'altezza della fontana e del percorso vita) è consigliato prendere il sentiero a sinistra, in modo da rimanere in quota lungo il versante, per riprendere successivamente il SI.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
Paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
Paesaggistico
PERCORSO

Lasciamo Piedimonte Matese in direzione Sepicciano seguendo la strada asfaltata; giunti a Sepicciano, sempre su asfalto, proseguiamo fino a San Potito Sannico e dal paese, seguendo la segnaletica, svoltiamo a sinistra iniziando così la lunga salita (1.000 m D+ ca.) dove per circa 1 chilometro si alternano strada asfaltata a carrozzabile. Inizia quindi il sentiero e dopo pochi metri anche una faggeta. Percorriamo un tratto ripido, piuttosto lungo e faticoso, ma per fortuna completamente in ombra; poi il bosco si fa rado e dopo un tratto di cresta raggiungiamo la cima del Monte Sant'Angiolillo (1.290 m), da cui ci godiamo una vista mozzafiato su tutto il Golfo di Napoli, Vesuvio e Capri compresi. La fatica maggiore è passata.

Dopo una breve discesa (100 m D- ca.) proseguiamo lungo la dorsale in direzione est, rientrando nuovamente all'interno di una spettacolare faggeta, meno fitta rispetto a quella precedente ma ancora più affascinante, con alcuni esemplari secolari. Incontriamo una carrozzabile, teniamo la destra e giungiamo presso un'oasi dove un piccolo laghetto dà ristoro a mucche e cavalli allo stato brado (potrebbero esserci dei cani pastore). Costeggiando il lago (che rimane alla nostra sinistra), proseguiamo lungo una dolce discesa in direzione sud e giungiamo così al bellissimo altopiano di Piana delle Pesche, tra faggi e querce secolari, dove sorge un complesso agrituristico completamente abbandonato e vandalizzato.

Proseguiamo per un breve tratto sulla strada asfaltata; quindi, superato l'ultimo edificio, alla staccionata svoltiamo a sinistra (prestando attenzione perché la segnaletica non è molto visibile) e imbocchiamo il sentiero all'interno della faggetta e cominciamo così la discesa (400 m D- ca.), che a poco a poco si fa sempre più ripida con un susseguirsi di tornanti. Il sentiero diventa strada sterrata e infine asfaltata.

Superata una fontana con acqua potabile, proseguiamo lungo il sentiero del percorso vita (onde evitare di perdere inutilmente quota). Dopo alcuni km in leggera discesa, imbocchiamo la strada asfaltata sulla sinistra, quindi all’altezza di una curva a U troviamo sulla sinistra una strada carrozzabile tra due campi di ulivi. Continuiamo fino a incontrare un'altra strada asfaltata, svoltiamo a destra scendendo e al bivio teniamo la sinistra, perciò proseguiamo lungo la strada sempre in direzione est, tra campi di ulivi, fino ad arrivare al Convento San Pasquale da cui affrontiamo l’ultima discesa (150 m D- ca.), con una lunga scalinata ben segnata che ci porta fino a Faicchio.


COSA SAPERE

La popolazione di Faicchio non si concentra nel centro storico ma è ben distribuita in tutto il comune. In passato, piccoli villaggi rurali costellavano l'intero territorio comunale, che si estende tra il massiccio del Matese e il monte Acero.

A testimonianza della presenza di questi insediamenti sono rimasti i resti delle chiese erette fra il VI e il XII secolo, in molte delle quali sono ben visibili gli antichi affreschi.


Faicchio è situato nel Sannio campano, area storico-geografica segnata dalla presenza della popolazione italica dei Sanniti. Numerose sono le testimonianze della loro civiltà, in particolare, sulle cime del Monte Acero si trovano tre chilometri di mura megalitiche, l'Arce di Monte Acero: una fortezza con funzione di avvistamento.

Alcuni studiosi sostengono che sul Monte Acero sorgesse l'antica città di Tulisium, mentre altri ritengono che l’antica città si trovasse invece nei pressi dell’odierna Telese Terme. Le mura, risalenti al VI secolo a.C., sono costituite da blocchi di pietra rettangolari posizionati a secco; in passato, nel gergo popolare, venivano chiamate "mura delle fate" non ritenendo possibile fossero opera dell'uomo.

COSA VEDERE

Il Castello di Faicchio fu edificato nel XII secolo dai conti Sanframondo, feudatari originari di Cerreto Sannita, per il controllo del passaggio tra il Monte Acero e il Monte Monaco di Gioia.

Nel 1612 il castello fu acquisito da Gabriele De Martino che, avendo avuto il titolo di Barone Duca di Faicchio, trasformò l'edificio in un elegante palazzo ducale. La struttura rinnovata è caratterizzata dalle quattro torri cilindriche poste agli angoli, che ricordano il Maschio Angioino. In età contemporanea subì via via un processo di abbandono e, nonostante i numerosi restauri nella seconda metà del Novecento, è soltanto a inizio Duemila che il castello è tornato a splendere grazie ad un gruppo di imprenditori locali che hanno investito in un albergo-ristorante, luogo di eventi e celebrazioni.


Sopra il borgo di Faicchio, sul versante del Monte Monaco di Gioia, svetta l'imponente convento San Pasquale, in cui è possibile ammirare i meravigliosi affreschi settecenteschi dell' annessa chiesa del SS. Salvatore.

Dal convento è possibile raggiungere a piedi la Grotta di San Michele, luogo dedito al culto dell'arcangelo a partire dall'epoca longobarda. All'interno della grotta è stata realizzata una chiesa che si sviluppa in tre vani abbelliti da numerosi affreschi di chiara influenza bizantina e molte tra stalattiti e stalagmiti.


Nella località di Fontanavecchia sono presenti reperti architettonici del periodo romano: un ponte dedicato a Quinto Fabio Massimo, dittatore romano che da qui passò per contrastare l'avanzata di Annibale, e l'acquedotto ipogeo, del III sec a.C., che attraversa il centro storico di Faicchio con un cunicolo alto due metri e largo ottanta centimetri.


COSA MaNGIARE

Tipico dell'area beneventana è il pane di saragolla, ad alta digeribilità e ricco di proteine.

La saragolla è una varietà antica di grano duro importata dal Medio Oriente nel 400 d.C. da popolazioni provenienti dall'area dell'attuale Bulgaria. Il nome deriva dal ceppo linguistico slavo meridionale e indica il colore giallo intenso del chicco.

Dopo un periodo di abbandono si sta recuperando la sua produzione anche grazie al Presidio Slow Food.


DOVE DORMIRE

Bed Breakfast Del Duca, a Faicchio. Tel. 380 390 0035

Casa Vacanze Surripe, a Faicchio. Tel. 347 122 0077

Casa Vacanze Magie del Sannio, a San Pasquale (2 km da Faicchio). Tel.  392 219 7221

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Napoli.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza raggiungibile in treno, partendo dalla città di Napoli.

Qui il LINK per controllare gli orari.


“In questi borghi i muri hanno i colori di certe foto degli anni Cinquanta”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO