Text Link

Tappa

364

Agriturismo Lu Furracu > Saltara

Lunghezza
9.0
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
214
m
-
284
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
800576785
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa breve, con qualche pezzo su asfalto e la vista che si spalanca sulla Corsica.

Ci avviciniamo al mare, l'aria sa di salsedine...

Note particolari

Tappa da evitare nei mesi centrali estivi.

Punti acqua assenti, portarne buona scorta.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Dall’agriturismo Lu Furracu prendiamo un sentiero e camminiamo tra basse sterpaglie e sassi di granito, che rendono la tappa più divertente. Superato questo breve passaggio tecnico, continuiamo su sentiero (facendo attenzione a scovare i segnavia, disposti su paletti di legno) e scendiamo fino a una strada asfaltata, che prendiamo verso destra, in piano; poco dopo riprendiamo una sterrata che va lentamente salendo fino a entrare in una proprietà privata (dove possiamo richiedere un po' d'acqua, all'occorrenza), caratterizzata da una grossa testa del Buddha sopra un pietrone; quindi svoltiamo a destra e scendiamo al fondovalle, per poi risalire un'ultima volta e ritornare su asfalto; godendoci il panorama sulla costa settentrionale (ammiriamo le isole di Spargi e Maddalena, la Corsica...), giungiamo all'agriturismo Saltara.

COSA SAPERE

Nel medioevo il nord-est della Sardegna era governato dal Giudicato di Gallura, che confinava a ovest con quello di Torres ed Arborea e a sud con quello di Cagliari. 

Sede del Giudice (iudike) e della Corona de Logu (il consiglio deliberativo) era Civita, città sorta sulle rovine romane di Olbia. Nelle vicinanze di Saltara, i castelli di Baldu e Balaiana sono stati due importanti residenze giudicali.

Il territorio del Giudicato di Gallura era diviso in due diocesi, quella di Civita e quella di Galtellì, entrambe sotto il controllo del vescovado pisano. L'ultimo alla guida del giudicato di Gallura fu il pisano Nino Visconti nel 1296, amico di Dante e conosciuto anche come Nino di Gallura.

COSA VEDERE

Tra le spiagge di Palau e Costa Serena si trova la Batteria Militare Talmone, posta a protezione del braccio di mare che divide la Sardegna dalla piccola isola di Spargi. 

Sotto la gestione del Fondo Ambiente Italiano dal 2002, la batteria fu intitolata al figlio del primo cioccolatiere industriale di Torino. L'avamposto si trova in uno scenario suggestivo, immerso tra la vegetazione mediterranea - ginepro, mirto e alloro. Qui i soldati si tenevano pronti ad attaccare i nemici che tentavano di avvicinarsi all'Isola. 

La struttura è composta da diverse stanze ben conservate dopo il restauro avviato nel 2006, tra cui una grande camerata in cui i soldati dormivano sulle amache disposte molto fittamente una accanto all'altra.

COSA MaNGIARE

A fine pasto non può mancare il mirto, liquore popolare ampiamente diffuso in tutta la Sardegna. Se ne possono trovare diverse versioni - il bianco e quello rosso, più classico. Il liquore continua ad essere prodotto in casa da molte famiglie e viene consumato sia come digestivo sia come condimento per la cacciagione. Anche in Corsica è molto diffuso: alcuni ritengono che sia stato introdotto da alcuni banditi galluresi rifugiatisi nell'isola francese. 

Nell’antichità il mirto era la pianta sacra a Venere: appena nata, la dea trovò rifugio proprio in un boschetto di mirto. La pianta può raggiungere i tre metri di altezza e ha la corteccia rossastra, le bacche di colore nero o bluastro somigliano a quelle del mirtillo.

DOVE DORMIRE

Agriturismo Lu Furracu, a circa metà tappa. Tel. 333 485 5451

Agriturismo Saltara, in località Saltara. Tel. 339 132 6713

Agriturismo Sardo Da Paolina, in località Saltara. Tel. 320 089 9371

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.

Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Olbia.

Qui il LINK per controllare gli orari.

Punto di partenza NON raggiungibile in treno.

“Tra tutte le accoglienze ricevute, quella di Marta e Andrea de Lu Furracu ci rimarrà per sempre impressa: luogo raro e persone rarissime”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO