Text Link

Tappa

131

Entracque - Limonetto

Lunghezza
25.5
Km
Difficoltà*
EE
Dislivello*
+
2119
m
-
1733
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50386996
{"center_lon": 7.4788545, "zoom": 11.817714993817841, "center_lat": 44.2009285}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa decisamente lunga e faticosa con due salite importanti (al Colle della Garbella e al Passo di Ciotto Mien) e alcuni passaggi tecnici; da affrontare nella sua interezza solo se esperti e fisicamente ben allenati (può però essere spezzata).

La fatica viene ampiamente ripagata dalla grande bellezza dell’anfiteatro glaciale del Lago degli Alberghi, dominato dalla piramide del Monte Frisson (2.637 m).

Note particolari

La tappa è lunga e richiede una certa esperienza in montagna: alcuni tratti sono molto ripidi e/o esposti (alcuni passaggi sono attrezzati), specie nella salita al Passo di Ciotto Mien - a tratti sdrucciolevole, occorre avere passo fermo. I più stanchi faranno bene a spezzarla a Palanfrè.

La tappa è in buona parte esposta al sole (i tratti nel bosco sono relativamente brevi), bene tenerne conto.

Punti d’acqua assenti, a meno di non fare una deviazione alla frazione di Palanfrè: portare ottima scorta.

Bellezza
periodo
Maggio - Ottobre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
PERCORSO

Cominciamo di buon’ora la prima, lunghissima salita (1.250 m D+ circa). Il sentiero a mezzacosta risale lo stretto Vallone del Bousset; passiamo poco sotto la cima del Monte Viver e, poco dopo (facendo attenzione a non perdere la traccia), giungiamo sulla strada asfaltata, che percorriamo per un paio di chilometri, fino ad arrivare alla frazione Trinità di Entracque, dove riprendiamo il tracciato della GTA.

La salita prosegue decisa, usciamo presto dal bosco e guadagniamo la spalla del Monte Pianard (2.306 m), dalla quale il sentiero prosegue in traverso a salire, con alcuni tratti un poco esposti (un paio di passaggi sono attrezzati).

Raggiungiamo il Colle della Garbella e proseguiamo verso sud in cresta aerea e panoramica. Giunti alla sella che precede la cresta nord del Monte Garbella, il sentiero vira in ripida discesa (800 m D- circa) nella stretta Val Garbella. Rientriamo nel bosco, quindi ci immettiamo sulla carrozzabile in direzione della borgata di Palanfrè.

Senza scendere fino al paesino (dove tuttavia i più stanchi possono spezzare la tappa, approfittando del Rifugio L'Arbergh), rimaniamo sulla GTA che va inoltrandosi con traverso pianeggiante nel Vallone degli Alberghi. Il sentiero torna quindi a salire (850 m D+ circa) costeggiando un torrente. Facendo attenzione a non prendere la traccia che sale sulla sinistra al Passo della Mena, usciamo dal bosco e guadagniamo il bellissimo anfiteatro glaciale che con i suoi muraglioni custodisce il Lago degli Alberghi. Il lago è dominato dal superlativo Monte Frisson (2.637 m), un piccolo Cervino.

Ripreso fiato, affrontiamo il ripidissimo strappo che ci porta con qualche difficoltà (alcuni passaggi sono esposti e attrezzati, il fondo è parecchio friabile) al Passo di Ciotto Mien (2.274 m). Attacchiamo perciò la lunga discesa (1.000 m D- circa), inizialmente molto decisa e su stretti tornanti. Giunti a Pian Madoro (1.765 m), prendiamo la comoda carrozzabile (la pendenza va diminuendo sensibilmente) fino a Tetti Virulà, da cui su strada asfaltata giungiamo a Limonetto.


COSA SAPERE

Il nome del paese di Limonetto non deriva da "limone," ma dalla parola limo che in celtico voleva dire “olmo”.

La rinomata stazione sciistica del paese ha ospitato anche le Olimpiadi di Torino 2006.

COSA VEDERE

Dal Colle di Tenda passavano i mercanti del sale e i pellegrini che nel medioevo andavano a Santiago de Compostela.

Alla fine dell’Ottocento sul valico venne costruito uno sbarramento fortificato, con sei forti a proteggere l’ingresso il Piemonte. A seguito dei trattati di Parigi, dopo la Seconda guerra mondiale, il confine tra Italia e Francia fu spostato più a Nord e gran parte del Colle, con il complesso dei forti (che peraltro mai ebbero a combattere) passò ai Francesi.


COSA MaNGIARE

Uno dei cavalli di battaglia della cucina della Val Vermenagna sono le cipolle ripiene, farcite con riso, porri, spinaci, salsiccia, uova e burro: un antipasto (si fa per dire) delizioso.

DOVE DORMIRE

Locanda L’Albergh (posto tappa GTA), nella borgata di Palanfrè. Tel. 340 697 3954

Affittacamere Arrucador, a Limonetto. Tel. 348 290 2263

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.

Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Cuneo.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“C’è un’aria diversa: i colori della macchia mediterranea fanno capolino tra le pareti verticali”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni