Text Link

Tappa

268

Lago Sirino > Rifugio La Conserva

Lunghezza
14.8
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
1335
m
-
699
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
65835955
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa di media lunghezza, caratterizzata dalla lunga e faticosa salita al Monte Sirino (1.907 m). La fatica viene ricompensata dall'incredibile vista di cui godiamo dal santuario posto sulla cima, luogo unico.

Note particolari

La salita al Monte Sirino è lunga e, nella seconda parte, piuttosto ripida ed esposta al sole: richiede perciò buon allenamento.

Per via dell'esposizione al sole, si consiglia di affrontare la salita alle prime ore del giorno.

Ultimo punto acqua al Santuario della Madonna del Sirino.

La discesa da Monte Papa (dalla sella con la funivia in poi) è su terreno ghiaioso e molto sdrucciolevole, prestare attenzione.

Bellezza
periodo
Maggio - Ottobre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Lasciamo il Lago di Sirino e andiamo a riprendere la pista ciclabile, poco sopra il lago, che costeggia in piano le pendici meridionali del Monte Sirino. Quindi ce ne stacchiamo e prendiamo una comoda sterrata sulla sinistra, iniziando così la lunga salita (1.050 m D+ ca.) verso la cima. Poco dopo torniamo su asfalto, passiamo sotto l'autostrada e, dopo un paio di tornanti, infiliamo un piccolo sottopasso in lamiera; ritorniamo su sterrata e riprendiamo a salire, per buona parte all'ombra del bosco. Continuiamo così fino a una grossa fonte all'ombra di grandissimi faggi, ottimo punto per tirare il fiato in vista della seconda metà della salita.

Dalla fonte passiamo su sentiero; la traccia non è sempre visibile e dobbiamo aguzzare la vista per scorgere i segnavia. Il bosco va diradandosi finché non ci troviamo completamente allo scoperto; dopo un poco la traccia sul terreno si perde e andiamo a vista, seguendo quando possibile i segnavia (la direzione rimane in ogni caso molto intuitiva: si sale!). Poi raggiungiamo un bosco, torniamo un poco in ombra e godiamo di un breve tratto pianeggiante, prima di tornare su traccia allo scoperto e, con un traverso, immetterci in un largo sentiero per gli ultimi metri di salita: siamo sulla vetta del Monte Sirino (1.909 m), che ospita l'omonimo santuario (sul retro troviamo una fontana e un localino sempre aperto, ove poterci riposare all'ombra).

Dalla vetta prendiamo una strada sterrata e perdiamo leggermente quota fino a una sella, da cui rientriamo nel bosco e proseguiamo in piano fino a intercettare un sentierino sulla destra, che entra tra i fitti alberi. Attacchiamo così la salita al Monte Papa (150 m D+ ca.): dopo il primo tratto nel bosco, usciamo allo scoperto e, dopo un pezzo in traverso, saliamo dolcemente fino alla cima (è quella di sinistra, 2.005 m), panoramicissima: il mare, il Pollino, il Cervati, le dolomiti lucane...

Procediamo verso l'anticima e, dopo un tratto in traverso, affrontiamo la discesa (550 m D- ca.) verso il Rifugio Conserva. Su sentierino ben evidente giungiamo a un valico, nei pressi di una stazione della funivia: da lì, costeggiando l'impianto, il fondo si fa ghiaioso e dobbiamo stare ben attenti a non scivolare - il tratto è ripido e insidioso. Quindi entriamo nel bosco, la discesa si addolcisce e giungiamo nei pressi della strada asfaltata; noi però sterziamo a destra e, lungo le piste da sci, affrontiamo l'ultima discesa fino al rifugio, luogo molto frequentato d’inverno (grazie agli impianti di risalita) quanto in estate.


COSA SAPERE

Il Rifugio la Conserva si trova nel comune di Lauria, un enorme territorio che si estende dai 600 ai 900 metri di quota.

La località è tristemente nota per il "Massacro di Lauria (o Sacco, o Assedio): una strage compiuta nel 1806 dalle truppe napoleoniche contro la popolazione locale, insorta a favore della corona borbonica.

Il centro abitato di Lauria, composto dai rione il "Castello" e il "Borgo", separati dal quartiere  Ravita, è stato il set per alcune sequenze del celebre film Basilicata Coast to Coast di Rocco Papaleo.


COSA VEDERE

Non lontano si trova Grumento Nova, cittadina lucana che prende il nome dell'antica Grumentum.

Oggi sono visitabili gli scavi archeologici della città romana sorta nel III secolo a.C., tra le testimonianze più importanti del periodo romano presenti in italia. Posizionata nella Val d'Agri, l'area era già abitata già dal VI secolo a.C. e fu uno degli avamposti romani per contrastare i Sanniti e proteggere l'importante via commerciale tra la costa ionica e quella tirrenica.

La fertilità dell'area (nota particolarmente per i suoi vini) permise alla città di fiorire per tutto il periodo romano diventando persino sede episcopale nel IV secolo d.C.; dopo le incessanti incursioni saracene del IX e X secolo, la cittadina fu abbandonata prediligendo le più sicure montagne circostanti. I primi ritrovamenti archeologici della città risalgono al XVI-XVII secolo. Nell'area archeologica si possono vedere i resti di numerosi edifici tra cui spiccano il teatro di epoca agustea, il foro, le terme del periodo republicano e imperiale (quest'ultime caratterizzate dai mosaici in bianco e nero), e infine l'anfiteatro che, nonostante fosse già noto dal XVIII secolo, fu portato alla luce soltanto negli anni '80 del secolo scorso.


Nel vicino comune di Lagonegro si trova la riserva regionale del Lago Laudemio. Di origine glaciale, si trova nel gruppo montuoso del monte Sirino ed è stato riconosciuto nel 1985 come Area Protetta Regionale per il suo valore faunistico e vegetale e la presenza di numerosi fossili animali.


COSA MaNGIARE

Tipico di queste montagne è il canestrato di Moliterno IGP, un formaggio a pasta dura realizzato con latte misto di pecora e di capra.

Le forme, trattate con olio di oliva o aceto di vino, vengono fatte stagionare nei fondaci di Moliterno. Dal gusto intenso sia fresco che stagionato, è realizzato solo da pascoli allo stato brado. Se il formaggio non supera i sei mesi di stagionatura viene chiamato “primitivo”.

Il nome moliterno potrebbe derivare dal vocabolo latino mulcternum, ovvero "luogo dove si munge e si fa coagulare il latte". Un nome che racconta una storia antica che si è preservata fino a noi.


Numerose sono le bibite analcoliche che hanno un commercio locale e che rimangono come simbolo di un territorio. Marchi storici che con gli anni sono entrati a far parte del costume locale. In questa zona è molto apprezzata la gassosa Sarubbi. Nelle locande e nei bar si è soliti mischiarla con il vino rosso e accompagnarla con i taralli lucani, caratterizzati dalla forma ad otto. La gassosa Sarubbi produceva una particolare bottiglia col tappo a pallina (poi sostituito per motivi igienici), che divenne un must per la gente del luogo.


DOVE DORMIRE

Rifugio Conserva, alle pendici settentrionali del Monte Papa. Tel. 348 528 1542


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Sapri con cambio a Maratea e Lagonegro.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“A capo chino affrontiamo silenti la salita che sembra infinita, mentre la natura brulla risplende intorno a noi e il Pollino si staglia all’orizzonte”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO