Text Link

Tappa

267

Rivello > Lago Sirino

Lunghezza
14.7
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
706
m
-
386
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
65835935
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Faticosa quanto basta, pur con parti lunghe su asfalto la tappa si rivela interessante: attraversiamo un’oasi di pace, superiamo il paese di Lagonegro, per arrivare infine dopo un tratto su ciclovia al Lago di  Sirino, preceduto dalle sue bellissime sorgenti.

Note particolari

Nella prima parte di salita il sentiero stesso non è ben pulito (bisogna prestare attenzione a non perdere il sentiero, monitorare i segnavia e la traccia gpx) e si trovano alcuni tratti faticosi, in salita ripida, a volte anche su rocce.

Subito usciti dalla parte antica di Lagonegro, si attraversano alcuni tratti coperti dai rovi, prestare attenzione.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Lasciati i vicoli e gli scalini di Rivello, affrontiamo un primo tratto su asfalto in leggera discesa; quindi prendiamo il sentiero nel bosco e affrontiamo inizialmente una salita (200 m D+ ca.), prestando attenzione a seguire la segnaletica bianca e rossa distribuita tra alberi e sassi lungo la traccia (nella prima parte il sentiero non è ben pulito e alcuni passaggi sono in rapida salita, anche su rocce); continuiamo a lungo in leggero saliscendi nel bosco.

Raggiungiamo una bellissima oasi, con una piccola chiesa e un orto ben tenuto, luogo magico che merita una pausa; poi percorriamo una sterrata larga che prima scende e poi, superato un torrente, risale dolce verso Lagonegro.

Giungiamo nei pressi della vecchia stazione abbandonata, molto affascinante, e proseguiamo salendo (150 m D+ ca.) ripidamente su asfalto e poi scalini verso la parte antica del paese. Proseguiamo (superando alcuni tratti coperti dai rovi) e ci immettiamo sulla ciclabile, scorrevole e adatta a far correre i pensieri; fino ad arrivare a un'altra stazione abbandonata (stranamente con l'insegna Rivello!). Infine prendiamo una strada asfaltata in discesa e attraversiamo le bellissime sorgenti del Lago Sirino, autentico luogo di pace. Pochi metri ancora e si è sulle rive del lago dove si trovano bar e ristoranti - una birra è d’obbligo, ancora meglio con un panino al baccalà.


COSA SAPERE

Il Lago di Sirino, che si trova all'interno del comune di Nemoli, è un lago naturale formatosi all'interno di una dolina carsica. Situato alle pendici del Monte Sirino, rappresenta un piccolo angolo di pace e serenità.

Secondo la leggenda il lago fu creato da una "lacrima divina" della Madonna di Sirino, irata nel vedere un contadino che lavorava nel giorno della sua festa.

Nel periodo estivo, sulle sponde del lago si tiene il Wood Sound Festival. Un festival tra musica e arte, in una location naturalistica suggestiva.

COSA VEDERE

Sulla cima del Monte Sirino (lungo la tappa successiva) è situato il santuario della Madonna del Sirino: un piccolo tempio, risalente al XVII secolo e costruito in pietra, meta di pellegrinaggio per gli abitanti di Lagonegro.

Da tempi immemori, la terza domenica di giugno la statua della Madonna viene trasferita da Lagonegro fino al santuario, dove resta fino alla terza domenica di settembre, quando viene riportata in paese. Il pellegrinaggio è una vera e propria festa e l'ascesa si conclude con una settimana di campeggio sul monte, dove a veglie e canti religiosi si alternano feste e banchetti. Dal santuario si gode una magnifica vista sulla vallata sottostante e sulle cime del Parco Nazionale del Pollino, ormai prossimo.


COSA MaNGIARE

Il simbolo della cucina lucana è sicuramente il peperone crusco: lo si può trovare sbriciolato su qualunque pietanza - ottimo con il baccalà.

Si tratta di un particolare tipo di peperone, detto “a corno di capra” (a volte si usa una variante simile, detto “a corno di toro”, più spesso). Il peperone viene fatto seccare in lunghe collane appese sulle terrazze, che colorano i borghi di un rosso acceso, per poi essere velocemente fritto e servito intero o sbriciolato.


DOVE DORMIRE

B&B Al boschetto, Lago Sirino, Tel. 339 678 1356

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Sapri con cambio a Maratea.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Dopo tanti passi al sole, ci godiamo il clima rilassante del lago e soprattutto… un paninozzo con baccalà e peperone crusco”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO