Text Link

Tappa

102

Rifugio del Pellegrino - Rifugio Frassati

Lunghezza
12.1
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
1036
m
-
700
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50387590
{"center_lon": 7.133521, "zoom": 12.520257265216229, "center_lat": 45.855236500000004}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa mediamente corta e facile, di grande panoramicità.

La chicca della giornata è l’arrivo al Colle del Gran San Bernardo, storica porta d’ingresso alla Svizzera e ingresso in Italia della Via Francigena.

Note particolari

La tappa è una variante al Sentiero Italia (che da Saint-Rhémy-en-Bosses raggiunge il Rifugio Frassati dalla valle, rimanendo a bassa quota), preferita per l’interesse storico e paesaggistico del Gran San Bernardo: davvero irrinunciabile!

Punti d’acqua assenti dal Colle del Gran San Bernardo fino al Rifugio Frassati. Portarsi una buona scorta.

Bellezza
periodo
Giugno - Settembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
PERCORSO

Partiamo sulla strada asfaltata, verso il Colle del Gran San Bernardo. Dopo un paio di tornanti, prendiamo sulla destra il sentiero in salita (200 m D+ circa): è la Via Francigena, che entra in Italia proprio dal celebre valico. Arriviamo al bel Lac du Gran San Bernard, preceduto dalla statua di San Bernardo. 

Dopo aver costeggiato la riva sud del lago, giungiamo al Colle del Gran San Bernardo (2.469 m); avvistiamo il Grand Combin (4.314 m), col suo enorme ghiacciaio, e il Mont Vélan (3.727 m). Sconfinando in Svizzera, percorriamo il lato nord del lago e torniamo sui nostri passi, ridiscendendo la Via Francigena quasi fin dove l’abbiamo attaccata; quindi cominciamo un traverso verso l’alpeggio Praz de Farcoz, da cui attacchiamo la ripida salita al Col de Saint Rhémy (300 m D+ circa), su buon sentiero.

Il Col de Saint Rhémy (2.550 m) ci premia con un panorama aperto verso sud-ovest, che abbraccia il Gran Paradiso (4.061 m) e la Grivola (3.969 m). Ripartiamo addentrandoci nel vallone successivo, in un bel paesaggio d’alta quota. Con un breve ma ripido strappo (150 m D+ circa) su ghiaione arriviamo al Col des Ceingles (2.809 m), che domina la verde Comba des Merdeux (pittoresca, a dispetto del nome). Proseguiamo perdendo velocemente quota (300 m D- circa) su buon sentiero e, dopo un breve traverso, giungiamo al Rifugio Frassati, gestito dai volontari dell’Operazione Mato grosso.

COSA SAPERE

Il Rifugio Frassati, costruito dai volontari dell’operazione Mato Grosso, è dedicato a Piergiorgio Frassati, figlio del direttore del giornale La Stampa di Torino, un ragazzo amante della montagna e molto attivo con i poveri; morì a soli 24 anni di meningite e al suo funerale si presentò inaspettatamente una folla oceanica, fatta soprattutto di povera gente. E’ stato proclamato beato da Papa Giovanni XXIII.

COSA VEDERE

Presso il Passo del Gran San Bernardo si trova un allevamento di bellissimi San Bernardo: grossi cani da montagna, usati da secoli per la sorveglianza e soprattutto per il salvataggio dei viandanti sperduti nella neve e nella nebbia.

Nel 1887, il San Bernardo venne riconosciuto ufficialmente come razza svizzera e da allora è il cane nazionale svizzero, nonostante sia in realtà… di origine asiatica!


Tra i cani di questa razza, il più vissuto è certamente Barry, che visse presso l’Ospizio del Gran San Bernardo dal 1800 al 1812, salvando negli anni oltre 40 persone.

In sua memoria, all’Ospizio c’è sempre (anche oggi) un cane di nome Barry.


COSA MaNGIARE

La fontina è il formaggio valdostano per eccellenza, a pasta semicotta, la cui produzione risale al medioevo.

Ne esistono moltissime varianti; ottimo per essere servito fuso, è ideale per la classica fonduta valdostana, un piatto a base di fontina, latte, tuorli d’uovo, burro e pepe, che vengono amalgamati insieme fino a creare una crema gustosa e vellutata.

DOVE DORMIRE

Rifugio Frassati, alla testa della Comba di Merdeux. Tel. 331 943 8054


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza NON raggiungibile in bus.

La località raggiungibile con il bus più vicina è Saint Rhemy, partendo dalla città di Aosta.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Mentre fuori impazza la grandine e il paesaggio si tinge di bianco, il calore del rifugio va oltre la grande stufa scoppiettante”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni