Text Link

Tappa

58

Teglio - Rifugio Cederna-Maffina

Lunghezza
23.7
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
2253
m
-
519
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50601597
{"center_lon": 10.0271605, "zoom": 11.62170896119283, "center_lat": 46.21862}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa abbastanza lunga e impegnativa nei dislivelli, segnata dalle due importanti salite a Prati Valentino prima e al rifugio poi; priva tuttavia di difficoltà tecniche.

Molto bella la risalita della Val Fontana, coi suoi grandi prati.

Note particolari


Bellezza
periodo
Maggio - Ottobre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Cominciamo subito in salita (650 m D+ circa), intervallando pezzi di sentiero a strada; in località Pragianello prendiamo quindi sul Sentiero del Sole (una comoda carrozzabile) e puntiamo verso località Verdomana. Poco prima di raggiungerla, proseguiamo sul traverso del Sentiero del Sole, verso le Baite Varogna. Perdiamo lentamente quota; poco sopra località Dalico, la carrozzabile diviene sentiero e vira verso nord, per addentrarsi nella Val Fontana. Dopo una lunga e lenta discesa nel bosco (200 m D- circa), giungiamo al Rifugio Sant’Antonio. 

Proseguiamo in piano su carrozzabile, raggiungendo presto il Rifugio Finanziere Erler. Superiamo l’ampia Piana dei Cavalli e proseguiamo in falsopiano, lungo il fondovalle.

Giunti all’Alpe Campascio, cominciamo la lunga salita (900 m D+ circa) che risale la Valle Forame. Il sentiero è ben tenuto, ma ripido e con alcuni strappi. Infine, giungiamo al bel Rifugio Cederna-Maffina (2.583 m), ora bivacco aperto, posto al centro del circolo glaciale che delimita Pizzo Scalino.

COSA SAPERE

In Val Fontana, la parte più assolata e fertile dei terreni appartiene al comune di Ponte in Valtellina, che la sottrasse al comune di Grosio cui pure spetterebbe, data la conformazione del territorio.


La Capanna Cederna-Maffina fu costruita nel 1903 dal CAI, grazie a una donazione di Antonio Cederna, alpinista e garibaldino. Trasferitosi a Milano, dove aprì un cotonificio e divenne un industriale tessile, fu il padre di Giulio Cederna, uno dei soci fondatori del A.C. Milan.


COSA VEDERE

A Chiuro, il comune in fondo alla valle, è possibile vedere la poderosa Torre di Roncisvalle, un invidiabile punto di osservazione sulla Valtellina. Il curioso nome deriva probabilmente (nella versione di Cesare Segre) a “roscida valle”, cioè valle umida.


COSA MaNGIARE
DOVE DORMIRE

Rifugio Erler, in Val Fontana. Tel. 0342 482570

Rifugio Cederna-Maffina, in alta Valle Forame; tenuto benissimo, 8 letti e mansarda con ulteriori materassi, stufa, cucina a gas, lavandino con acqua corrente. Sempre aperto.

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Sondrio.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Dopo aver risalito prati infiniti tempestati di tanede, sostiamo alla bellissima capanna, riposando i corpi in vista dell’attacco alla vetta”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni