Text Link

Tappa

41

Bagni di Rabbi > Peio

Lunghezza
20.0
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
1736
m
-
1416
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50385317
{"center_lon": 10.7419515, "tappa": "041", "zoom": 12.13998254921568, "center_lat": 46.381491499999996}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa impegnativa per lunghezza e dislivello, caratterizzata dalla lunga salita al Passo Cercen, seguita da un’altrettanto lunga discesa.

Grandioso la vista dell’Ortles Cevedale, in particolare sul Monte Cevedale (3.769 m) e sul Monte Vioz (3.645 m), che sovrasta la cittadina di Peio.

Note particolari

Il percorso si discosta dal Sentiero Italia, da Passo Cercen e Peio (per cause meteorologiche al momento del rilevamento).

La traccia è facile ma non sottovalutare la lunga salita a Passo Cercen.

Le montagne che circondano il passo sono piene di ferro, è bene starne alla larga quando arrivano (o c’è rischio di) temporali: attraggono parecchi fulmini.

Bellezza
periodo
Giugno - Settembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
enogastronomico
RAGGIUNGIBILITà
enogastronomico
PERCORSO

Prendiamo la strada asfaltata in direzione ovest e, poco dopo, a sinistra, la comoda carrozzabile che si addentra in Val Cercen. Comincia così la lunga ma graduale salita (1.350 m D+ circa), allietata dalla vista della Cascata Ragaiolo. Sempre su carrozzabile, giungiamo alla Malga Cercen Bassa e, poco dopo, alla Cercen Alta, proprio sul limitare del bosco, dove tiriamo il fiato. 

La carrozzabile lascia il posto a un buon sentiero, in pendenza costante; raggiungiamo un pianoro e, con ultimo strappo, guadagniamo l'agognato Passo Cercen (2.623 m). Immenso il paesaggio che il passo ci regala, a partire dalle cime del San Matteo (3.678 m) e del Vioz (3.645 m).

Svalicato, affrontiamo la lunga discesa (1.450 m D- circa) verso la Valle di Peio; poco dopo essere rientrati nel bosco, incontriamo la Malga Levi (che ospita un bivacco, usato dai pastori). Giungiamo infine al fondovalle, presso l’abitato di Cogolo, e procediamo in piano verso Nord, per poi attraversare la valle e il torrente Noce Bianco; prendiamo il Sentiero Botanico che sale verso Peio (300 m D+ circa), lungo il quale è facile avvistare delle cerve coi piccoli.

Infine, dopo un panoramico tratto a mezzacosta, arriviamo al paese.


COSA SAPERE

A Peio è presente uno degli ultimi caseifici turnari di tutto il Trentino: un vero esempio di resistenza culturale.

Il caseificio turnario è una forma comunitaria di produzione del formaggio: tutti gli allevatori portavano il loro latte e, in proporzione alla quota (letteralmente) versata, avevano diritto alla caserada, ovvero a una certa quantità di formaggi.

Negli anni passati le famiglie facevano i turni per la produzione del formaggio (da ciò il nome turnario), oggi è un casaro che se ne occupa. VEDI ARTICOLO


COSA VEDERE

Poco dopo aver lasciato Bagni di Rabbi passiamo vicini alla bellissima Cascata Ragaiolo

Il modo migliore per ammirarla è avventurarsi sul fantastico ponte tibetano che ci passa sopra, sospeso sopra 60 metri di vuoto, per 100 di lunghezza. 

Un must per chi ama le emozioni forti!


COSA MaNGIARE

Tipico della Val di Sole è il formaggio casolet; tradizionalmente consumato fresco, ha un sapore dolce e delicato. 

Il nome è in dialetto locale e sta a indicare una piccola forma. Il formaggio, prodotto con latte crudo vaccino, è nato per il consumo familiare degli allevatori.

Il casolet è oggi tutelato dal Presidio Slow Food. VEDI ARTICOLO

DOVE DORMIRE

Bivacco Malga Levi, lungo la discesa verso Cogolo; dispone di 3 letti, stufa. Sempre aperto (lo utilizzano i pastori).

Camping Val di Sole, in località Dossi di Cavia (appena sotto Peio). Tel. 0463 753177

A Peio sono presenti diverse strutture ricettive (alberghi e B&B).


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Trento con cambio a Malè.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile con il treno.


"Ceniamo nell’azienda agricola di Riccardo Casanova, un gigante buono con delle mani che paiono pentole"

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni