Text Link

Tappa

292

Girifalco > San Vito sullo Ionio

Lunghezza
22.1
Km
Difficoltà*
T
Dislivello*
+
645
m
-
699
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
66386430
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa di media lunghezza, ma senza grossi dislivelli. Dopo una partenza in salita, si sviluppa poi tutta su falsopiano, tra boschi e pinete per la maggior parte della tappa. Piacevole.

Note particolari

Segnaletica presente, a parte piccole deviazioni a cui prestare attenzione.

La prima metà della tappa è interamente su asfalto: prestare attenzione al traffico, specie quando si imbocca la provinciale.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Dal centro di Girifalco, seguiamo il corso e andiamo poi a imboccare una strada secondaria su asfalto sulla destra. Da qui parte la salita  (400 m D+ ca.) su asfalto che si sviluppa lentamente su una decina di chilometri, attraversando un fitto bosco.

Arrivati al parco avventura Bosco Sospeso proseguiamo su sterrata che ci accompagnerà fino al termine della tappa. Continuiamo ad attraversare boschi passando ai piedi del Monte Acido. Sotto si trova il lago Acero, con una piccola area attrezzata sotto i pini. Concludiamo gli ultimi km in discesa, per arrivare così in centro al paese di San Vito sullo Ionio.

COSA SAPERE

Le Serre Calabresi sono una dorsale montuosa che si estende tra l'altopiano della Sila e il massiccio dell'Aspromonte.

Meno alte delle alle altre catene calabre, le Serre costituiscono una sorta di corridoio sviluppato in due rilievi montuosi paralleli, che ricordano i denti di una sega - serra, in dialetto calabrese. Tra i due massicci si apre la vallata in cui sorgono i principali centri abitati dell’area. Il monte più alto della catena è il Monte Pecoraro (1.423 m).

Come le altre aree montane calabresi, le Serre sono caratterizzate dalla presenza di boschi molto fitti, tra cui quello di Stilo, caratterizzato dalla presenza di corsi d'acqua e cascate.

Nel 2004 è stato istituito il Parco Naturale regionale delle Serre.


San Vito sullo Ionio è attraversato dal percorso di trekking Kalabria Coast to Coast, che si estende da Soverato a Pizzo, dalle spiagge ioniche della Costa degli Aranci a quelle tirreniche della Costa degli Dei.

55 km di cammino immerso nelle bellezze naturalistiche delle Preserre.


COSA VEDERE

All'ingresso del paese c’è il Mulino del Cavalier Daniele, del XVIII secolo, in una gola scavata dal torrente Scurzuna.

COSA MaNGIARE

Come dessert è imperdibile il famoso Tartufo di Pizzo Calabro, il primo gelato in Europa a ricevere il marchio IGP.

Si tratta di gelato alla nocciola modellato con il palmo della mano fino a formare una concavità al cui interno trova posto un cuore di cioccolato fondente fuso. Una volta chiuso, realizzando la classica forma a sfera, viene ricoperto da una spolverata di cacao amaro e zucchero e poi messo a raffreddare in abbattitore.

Il famoso gelato nasce negli anni '50: fu per mancanza di stampini che Giuseppe De Maria, in arte Don Pippo, originario di Messina, rimediò confezionando la pallina di gelato più famosa della Calabria come fosse un arancino.


DOVE DORMIRE

B&B U Siracu, San Vito allo Ionio. Tel. +39 349 531 9333

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Catanzaro.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Si scarpina, si chiacchiera, si scherza: il buonumore non manca mai”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO