Text Link

Tappa

6

Gradisca d'Isonzo > Cormons

Lunghezza
18.1
Km
Difficoltà*
T
Dislivello*
+
240
m
-
213
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50193541
{"center_lon": 13.506375, "tappa": "006", "zoom": 11.810269364009915, "center_lat": 45.9275251429315}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa di media lunghezza, ma con un dislivello assolutamente trascurabile: scorre piacevole come i vigneti del Collio.

A fine tappa, ci concediamo un buon bicchiere nella bella cittadina che vanta tra i suoi cittadini il grande cronista sportivo Bruno Pizzul.

Note particolari

La segnaletica è spesso carente e, attraversando i campi coltivati, è facile perdersi e confondere la traccia del sentiero con quelle dei mezzi agricoli: bene tenere sott'occhio la traccia GPS.

Rischio di zecche.

Bellezza
periodo
Tutto l'anno
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
culturale
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
culturale
PERCORSO

Percorriamo i campi lungo la sponda settentrionale dell’Isonzo.

Svoltando verso Nord, nel territorio di Farra d’Isonzo incontriamo l’interessante Museo della Civiltà Contadina Friulana. Oltrepassando gli abitati di Villanova di Farra e San Lorenzo Isontino, attraversiamo i Laghi di Val da Bresadola. Da lì, per dolci saliscendi nei campi coltivati, aggiriamo il paese di Capriva del Friuli.
Riprendiamo su ampia carrozzabile, su per i vigneti: siamo nel Collio, celebre terra di vini. Non distante, ammiriamo il Castello di Spessa. Continuando per le colline arriviamo alla Chiesa del Crocifisso di Subida, da cui comincia la salita verso il piccolo Monte Quarin. Al termine, giungiamo alla Chiesa della Beata Vergine del Soccorso e lì godiamo di una splendida vista sulla pianura e sul paese di Cormons, appena sotto. Per chi ancora ne avesse voglia, dalla chiesa una strada porta alla cima del Quarin e alle rovine di un’antica rocca. In discesa, giungiamo infine al centro del paese.

COSA SAPERE

Cormons era la città di confine fra l’Impero Austro-Ungarico e l’Italia: dopo la prima guerra mondiale agli abitanti era difficile comprendere se avessero vinto o perso la guerra. Ancora oggi c’è un po’ di nostalgia per il periodo imperiale, soprattutto per la figura di Massimiliano I (cui è dedicata una statua con le “strane” sembianze di Cristoforo Colombo), che ebbe il merito di risparmiare i dazi alla città, come ringraziamento per gli sforzi bellici sostenuti contro la Serenissima.

Oltre che terra di vini, Cormons era in passato terra di ciliegie e regolarmente ospitava un enorme mercato: le ciliegie venivano mandate in ogni angolo dell’impero.


Il Collio, Brda in sloveno, è un simbolo della cooperazione transnazionale: ne è prova il Vino della Pace, prodotto con le uve di oltre 600 diversi vitigni provenienti dai cinque continenti e coltivati a Cormons nella “Vigna del Mondo”. Per oltre vent’anni, il vino è stato regolarmente donato ai Capi di Stato di tutto il pianeta, come segno di pace fra i popoli, impreziosito dalle etichette disegnate da artisti di fama internazionale. 

In autunno non bisogna perdersi il festival Jazz &Wine of Peace: un modo per godere del buon vino e della buona musica, all’insegna dell’unione tra le genti.

COSA VEDERE

Il Collio, che si estende dal Friuli alla Slovenia, è un susseguirsi di dolci colline ricoperte da ordinati vigneti: ne derivano vini prelibati venduti in tutto il mondo. 

L’atmosfera fiabesca di questo paesaggio ha il suo segreto nella conformazione del terreno, la ponca, un impasto di marna e arenaria formatosi nei millenni che dona alle sue uve, famose fin dal periodo preromano, una forte mineralità.

COSA MaNGIARE

Il prelibato prosciutto di Cormons deve la sua unicità al leggero processo di affumicatura e alla stagionatura dentro grotte di tufo. 

Meno dolce del cugino San Daniele, ma dai gusti più intensi.


DOVE DORMIRE

B&B Ciase dal Orcul, a Cormons. Tel. 338 730 7843

Agriturismo Al Confine, a Cormons. Tel. 0481 630451

A Cormons sono presenti numerose strutture ricettive.


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Gorizia.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza raggiungibile in treno, partendo dalla città di Gorizia.

Qui il LINK per controllare gli orari.


"Guardando i vigneti arrampicarsi ordinati sulle colline del Collio, ci accorgiamo di essere immersi in un «paesaggio culturale», dove uomo e natura hanno collaborato generando bellezza"

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni