Text Link

Tappa

48

Passo Gavia - Santa Caterina di Valfurva

Lunghezza
19.5
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
491
m
-
1375
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50388412
{"center_lon": 10.5148775, "zoom": 11.790879224013409, "center_lat": 46.3838415}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa di media lunghezza, senza particolari dislivelli. Scorrevole e piacevole, al cospetto del Monte Cevedale (3.769 m) e del Ghiacciaio dei Forni.

Avvistiamo per la prima volta l’impressionante mole del Gran Zebrù (3.857 m), una delle cime più ambite dell’arco alpino.

Note particolari

La tratta dal Rifugio Stella Alpina a Santa Caterina di Valfurva è una variante al Sentiero Italia (che prosegue verso il Rifugio Pizzini), per l’impraticabilità di Passo Zebrù.

Circa 1 km prima del Rifugio Stella Alpina c’è un breve traverso esposto e mal mantenuto, prestare attenzione.

MTB: tenere il sentiero 525 per scendere al Rifugio Stella Alpina, senza proseguire sul 525.1.

Punti d’acqua assenti dal Rifugio Berni al Rifugio Stella Alpina.

Bellezza
periodo
Maggio - Ottobre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
PERCORSO

Costeggiando la strada, procediamo su sentiero al vicino Rifugio Berni, da cui lasciamo la strada e ci dirigiamo verso destra per attraversare il Torrente Gavia e costeggiarlo verso nord. Dopo un tratto pianeggiante, risaliamo leggermente il versante orientale del vallone, con lungo e panoramico traverso.

Giunti al Dosso di Tresero, continuiamo verso est, tenendo gli occhi vigili (è area di aquile); appena prima di attraversare, sempre a mezzacosta, la stretta Val Cerena, affrontiamo un breve tratto stretto ed esposto, l’unico pezzo complicato della tappa. In breve siamo al Rifugio Stella Alpina, ideale per un po’ di riposo.

Su sentiero carrozzabile, saliamo (300 m D+ circa) verso località Pradaccio di Sopra. Terminata la breve ma intensa salita, camminiamo sul lungo e assolato traverso, tra bellissimi pratoni fioriti: ottima la vista sul grande Ghiacciaio di Forni e sulle cime circostanti (Cevedale, Palon de La Mare, Vioz, San Matteo…).

Infine, dalla Malga Ables, prendiamo la comoda carrozzabile che scende facile a Santa Caterina di Valfurva, dominata dal Pizzo Tresero (3.594 m) - così chiamato per i tre zeri che sembrano disegnati sui nevai della parete occidentale.

COSA SAPERE

Santa Caterina è una nota stazione turistica che ha dato i natali a numerosi sportivi, tra cui la campionessa olimpica Deborah Compagnoni e l’alpinista Marco Confortola, che nel 2017 ha scalato il Dhaulagiri, il suo decimo ottomila.

Gli impianti di Santa Caterina hanno ospitato molte gare delle coppe del mondo di sci.

COSA VEDERE

Scendendo dal Passo Gavia è possibile ammirare il Ghiacciaio dei Forni, il più grande ghiacciaio italiano di tipo himalayano. Da fine ‘800 questo ghiacciaio e monitorato dai volontari del Comitato Glaciologico Italiano.

COSA MaNGIARE

Al Rifugio Stella Alpina è d’obbligo il caffè del pastore, ricetta originale del rifugista Andrea, nato sperimentando con alcune vecchie bottiglie di alcolici.  Semplicemente squisito.


DOVE DORMIRE

Rifugio Stella Alpina, nella Valle dei Forni. Tel. 0342 925272

Casa Benedicta, a Santa Caterina di Valfurva. Tel. 366 473 0648

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza NON raggiungibile coi mezzi pubblici, solo con bus turistici da Luglio ad Agosto con partenza da Ponte di Legno.

La località raggiungibile con il bus più vicina è Pezzo, partendo dalla cittadina di Edolo con cambio a Ponte di Legno.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Attraversando la Valle di Gavia a mezzacosta ci troviamo costretti a guadare numerosi torrenti di fusione, in piena”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni