Text Link

Tappa

76

Porto Ceresio - Marchirolo

Lunghezza
15.8
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
799
m
-
575
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50601876
{"center_lon": 8.866601, "zoom": 12.218960422481501, "center_lat": 45.927305000000004}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa relativamente corta, di medio dislivello, ma facile e scorrevole, pur priva di grosse attrazioni, se non alcuni scorci interessanti sul Lago di Lugano.

Note particolari
Bellezza
periodo
Tutto l'anno
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Ci portiamo su strada a località Le Cantine, sul lato occidentale della baia di Porto Ceresio. Da lì, prendiamo il sentiero a salire (150 m D+ circa), verso Borgnana. La prima parte è leggermente ripida e alcuni tratti di sentiero sono un po’ dissestati (tante foglie secche, qualche albero caduto).

Superati in piano gli abitati di Borgnana e Cuasso al Monte, riprendiamo a salire (400 m D+ circa) lungo il Sentiero Confinale. Giunti all’Alpe della Croce, ci portiamo alla Bocchetta dei Frati. Quindi, in veloce traverso, guadagniamo il Sasso di Bol, da cui scendiamo agilmente a Marzio, piccolo ma florido paesino.
Proseguiamo su largo sentiero a mezzacosta verso Alpe Sommo, prendiamo quindi il Sentiero Cadorna e infine il tracciato che scende veloce a Marchirolo.

COSA SAPERE

Passarono per questa zone, fuggendo verso la Svizzera, i superstiti dell’eroico gruppo partigiano Gruppo Militare Cinque Giornate di Vallalta-Varese, che venne decimato nella Battaglia del Monte San Martino dalle forze nazifasciste del novembre 1943.

Alla guida dei partigiani c’era il colonnello dell’esercito Carlo Croce che, dopo l’8 settembre, aveva deciso di opporsi all’occupazione tedesca. Rientrato successivamente in Italia per continuare la lotta, fu catturato dai nemici e ucciso.

COSA VEDERE

La Gipsoteca Pellini Bozzolo raccoglie i calchi in gesso di statue di marmo e di bronzo realizzati da Eugenio Pellini (esponente della Scapigliatura milanese), dal figlio Eros Pellini (esperto della fusione a cera persa) e dallo scultore Adriano Bozzolo. Per maggiori info, orari e biglietti, si veda il seguente LINK.

La tradizione scultorea di gessatori e picapietre (scalpellini) è presente in tutto il territorio.

COSA MaNGIARE

Nella vicina Val Ganna si trovano gli stabilimenti della Birra Poretti, fondati da Angelo Poretti, nativo di Vedano Olona.

Dopo aver viaggiato in Boemia, Baviera e Austria, dove conobbe numerosi mastri birrai, cominciò a produrre la sua birra nel 1878. Lo stabilimento sorge vicino a una sorgente di acqua purissima, chiamata Fontana degli Ammalati, tuttora utilizzata appunto per la produzione della birra.

DOVE DORMIRE

Hotel Pegaso, a Marchirolo. Tel. 0332 997140

International Camping, a Lavena Ponte Tresa (a circa 4 km da Marchirolo). Tel. 0332 550117


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Varese.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza raggiungibile in treno, partendo dalla città di Varese.

Qui il LINK per controllare gli orari.

“Scopriamo che il piccolo borgo di Marzio vanta una popolazione in aumento, grazie al commercio con la vicina Svizzera”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni