Text Link

Tappa

29

Rifugio Lagazuoi > Arabba

Lunghezza
19,3
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
686
m
-
1740
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
55805634
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Questa tappa è stata documentata grazie al contributo di Giovanni Furlanetto.


Tappa di buona lunghezza in Alta Badia, con dislivello perlopiù in discesa, molto aerea e panoramica.

Dopo un’esperienza immersiva nelle gallerie di guerra del Lagazuoi, Camminiamo al cospetto dell'immenso ghiacciaio della Marmolada (coi suoi 3.343 m, è la "Regina della Dolomiti") e del muraglione roccioso che contraddistingue il gruppo del Sella: una gioia per gli occhi.


Note particolari

La prima parte di percorso (dal rifugio Lagazuoi al Passo Falzarego) è una variante al Sentiero Italia (che scende per il sentiero da Forcella Travenanzes), preferita per l’estremo interesse storico delle gallerie militari e la potenza dell’esperienza - consigliatissima.

Le gallerie militari sono completamente buie, fredde e umide. Occorre pertanto avere una giacca, una torcia frontale (il caschetto è consigliato). Data la pendenza e la scivolosità dei gradini di pietra, è quasi sempre presente un cavo d’acciaio a lato. Spesso occorre stare chinati per il basso soffitto. Si sconsiglia la tratta a chi soffre di claustrofobia.

Lungo il versante nord del Setsas, camminando sulle rocce, il tracciato non è sempre evidente e bisogna scorgere i segnavia.


Bellezza
periodo
Giugno - Settembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Lasciamo il Rifugio Lagazuoi e, sotto la vicina funivia, prendiamo il sentiero attrezzato che conduce alle gallerie. Poco dopo, superate alcune trincee, troviamo l’imbocco e iniziamo la discesa (750 m D- circa). I tunnel sono bui e spesso ripidi; talvolta si aprono dei punti di osservazioni nella parete. Lungo il percorso incontriamo le camere di mina e dei dormitori. Infine torniamo all’aria aperta, e continuiamo a perdere quota fino a Passo Falzarego (2.105 m).
Prendiamo il sentiero che costeggia dal basso la strada asfaltata e, percorrendo le pendici settentrionali di Sas de Stria, avanziamo in saliscendi fino al Forte Tre Sassi (museo della Grande Guerra); quindi ci allontaniamo dalla strada e scendiamo verso le vecchie fortificazioni austriache. Con ampio giro ci avviciniamo al Lago di Valparola ma, anziché proseguire per l’omonimo passo, prendiamo a sinistra (con curva a U) e risaliamo (100 m D+ circa) verso il versante settentrionale del Settsass (2.571 m), che percorriamo con saliscendi in traverso - a nord svetta il gruppo delle Conturines.

Risalita la dorsale nord, perdiamo lentamente quota verso ovest e il panorama si apre: a sud-est, ammiriamo l’immenso ghiacciaio della Marmolada, la Regina delle Dolomiti (3.343 m). Il sentiero si fa più largo e camminiamo a lungo su ciglione aereo - a ovest il Sassongher (2.665 m) e il gruppo del Sella, dominato da Piz Boè (3.152 m).

Superata la località Stores, arriviamo al Rifugio Pralongià; su comoda carrozzabile proseguiamo verso sud e giungiamo presso l’Utia La Marmotta. Con breve salita per ampi pratoni guadagniamo il Rifugio Cherz e da lì scendiamo (200 m D- circa) lungo la carrozzabile che costeggia le piste sciistiche. Giunti su strada, camminiamo verso sud e siamo in breve al Passo di Campolongo (1.875 m).

Costeggiando la statale su comodo sentiero, scendiamo (200 m D- circa) fino ad Arabba, frazione di Livinallongo: la nostra ultima tappa in Veneto.

COSA SAPERE

Passo Falzarego deve il suo nome alla leggenda del Falso Re del regno dei Fanes. La complessa saga del Regno dei Fanes è l'unica, tra quelle tradizionali nordiche, a interessare il territorio italiano: racconta del popolo che abitava l’altopiano del Fanes e che venne tradito e venduto dal Re (poi tramutato in pietra).

Nella saga, Dolasilla, la figlia del Falso Re, è co-protagonista della tragica avventura, che si conclude con la sua triste morte; è oggi una figura molto presente nel folclore locale (come ètestimoniato dai molti alberghi o ristoranti a lei intitolati).


Durante la Prima guerra Mondiale, nel ghiacciaio della Marmolada fu costruita la cosiddetta Città di Ghiaccio: 12 km di tunnel con tanto di cucine, mense, infermerie, sale radio e tutto quello che serve in un accampamento militare.

Il progetto dell’ingegnere austriaco Leo Handl permise ai soldati dell’Impero di avere sia un riparo contro le rigide temperature invernali, sia un corridoio coperto per passare agilmente da una parte all’altra del fronte.


Gli abitanti di Arabba vengono anche chiamati Fodomi. Dalla parola ladina fodom, che pare indicare la presenza di faggi nella zona di Livinallongo del Col di Lana.

‍Fodom è anche il nome della banda musicale locale, molto in voga tra i giovani, attiva nel rivitalizzare le musiche tradizionali.


Arabba è oggi una rinomata stazione sciistica all’interno del comprensorio Dolomiti Superski. Da qui passa il Sellaronda, il giro del massiccio del Sella sugli sci (e con gli impianti di risalita): è probabilmente il giro sciistico più rinomato delle Dolomiti e delle Alpi italiane.


COSA VEDERE

Poco distante dal Passo Valparola c’è il Forte Tre Sassi, che faceva parte della serie di fortificazioni e sbarramenti della Linea Gialla, sul confine italiano.

Il forte, che ospitava una cinquantina di soldati dell’Impero austriaco, nel 1915 fu bombardato dalle truppe italiane e subito abbandonato dagli Austro-ungarici, i quali però continuarono a illuminarlo inducendo gli Italiani a proseguire l’attacco, ritenendo il forte ancora operativo e sprecando così tempo e... denaro: è stato calcolato che il costo delle munizioni utilizzate per bombardare il forte fu maggiore di quello della costruzione del forte stesso!

Oggi ospita il Museo della Grande Guerra in cui sono stati raccolti i reperti bellici ritrovati nella zona; tutt’attorno sono ancora presenti trincee e gallerie. Per maggiori info su orari e biglietti, si veda il seguente LINK.


Il Museo della Grande Guerra, a Passo Pordoi, è stato creato grazie ai ritrovamenti bellici dei “recuperanti”, appassionati che amano camminare alla ricerca di residuati bellici, di cui le montagne intorno ad Arabba sono piene: l'area fu devastata dai 29 mesi consecutivi di feroci combattimenti.

Per maggiori info su orari e biglietti, si veda il seguente LINK.


COSA MaNGIARE

Vanto di Arabba e dei suoi abitanti è la grappa di genziana, per la quale i produttori gareggiano per riuscire a estrarre dalla radice del fiore la maggiore amarezza: una vera e propria sfida per palati forti, nonché un ottimo digestivo.

La pianta di genziana deve il suo nome a Genzio, ultimo re degli Illiri (antico popolo dei Balcani Occidentali) che, secondo la testimonianza di Plinio il Vecchio, per primo scoprì le virtù terapeutiche della radice.

DOVE DORMIRE

Rifugio Bec de Roces, a mezz'ora di cammino dal Passo di Campolongo. Tel. 0436 79193


Rifugio Plan Boè, a mezz'ora di cammino da Arabba. Tel. 0436 79339


Hotel Olympia, ad Arabba. Tel. 0436 79135


Ad Arabba si trovano numerose strutture ricettive (alberghi, affittacamere).


COME ARRIVARE

Punto di partenza NON raggiungibile in macchina.

La località raggiungibile in macchina più vicina è il Passo Falzarego.


Punto di partenza NON raggiungibile in bus.

La località raggiungibile con il bus più vicina è il Passo Falzarego, partendo dalla città di Belluno con cambio a Calalzo e a Cortina d’Ampezzo.

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


"Dopo tanto camminare, siamo stati ospitati dall’eclettico Diego Grones nel suo Hotel Olympia: a mollo in una jacuzzi, ci siamo goduti lo spettacolo di un triplice arcobaleno"

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

La prima edizione del libro fotografico “Va’ Sentiero -Voci dalle Terre Alte” è andata a ruba e stiamo organizzando una seconda ristampa: PRENOTA ora la tua copia.

Grazie!

PRENOTA LA TUA COPIA

ISTRUZIONI ALL'USO

IL PERCORSO

Tutte le tappe qui descritte sono state percorse dalla spedizione Va’ Sentiero.

Pur seguendo il Sentiero Italia come via maestra alle volte abbiamo optato per delle deviazioni di piacere o per necessità, in base ai consigli degli abitanti del luogo e alla percorribilità dei sentieri al momento del nostro passaggio. In tutti i casi, abbiamo indicato e motivato le deviazioni nelle schede delle tappe interessate.

Chiaramente, la percorribilità dei sentieri di montagna può subire modifiche (anche improvvise) in base alle condizioni atmosferiche e a eventi straordinari quali frane, cadute di alberi, incuria; ogni escursionista deve perciò sempre usare il buon senso e, qualora le tracce GPS qui fornite lo conducessero su tracciati chiaramente inagibili o in situazioni di potenziale pericolo, tornare sui propri passi.


SPUNTI CULTURALI

Le informazioni culturali ed enogastronomiche inserite nelle schede tappe non riguardano soltanto i luoghi effettivamente toccati dal Sentiero Italia, ma anche le aree circostanti, nell’ottica di chi percorre solo una tratta e vuole spendere del tempo nella tappa di arrivo, esplorando quello che il territorio ha da offrire.


SUDDIVISIONE DELLE TAPPE

Il criterio applicato per organizzare le tappe è quello di un escursionista di buona gamba. 

Alcune tappe possono risultare oltremodo faticose e/o lunghe per i meno allenati: nelle schede di pertinenza abbiamo sempre specificato laddove è possibile spezzare le tappe più impegnative. 


RICORDA!

Il Sentiero Italia è un’alta via, non un semplice cammino: richiede pertanto la giusta preparazione ed esperienza.

Per la propria sicurezza, è sempre consigliabile andare in montagna in compagnia (e poi "la felicità è tale solo se condivisa", soprattutto lassù); in ogni caso, è bene lasciare sempre detto ai familiari dove saremo, tappa per tappa.

-

Trovi i nostri consigli sull’equipaggiamento a questo link.

Trovi un video sull’abbigliamento consigliato a questo link.