Text Link

Tappa

307

Centro le Miniere > Novara di Sicilia

Lunghezza
6.8
Km
Difficoltà*
E
Dislivello*
+
435
m
-
550
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
66884831
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa breve e molto intensa, da ogni punto di vista: il sentiero è in buona parte inesistente, ma i paesaggi sono mozzafiato, con Rocca Novara (1.340 m) e la vista sulle Isole Eolie a rubare il palcoscenico.

Note particolari

La salita che si affronta una volta lasciata la strada asfaltata avviene praticamente su sentiero inesistente, molto ripido e infestato di piante: occorre avere buona esperienza, senso dell'orientamento e monitorare costantemente la traccia GPS.

La segnaletica è praticamente inesistente, la si ritrova sporadicamente solo nella discesa verso Novara.

Durante tutto il tragitto si superano in diversi momenti dei cancelli di filo spinato che occorre aprire con prudenza (e ricordarsi di richiudere).

L'eventuale salita a Rocca Novara, di grandissima soddisfazione, è riservata ai più esperti per la ripidità della traccia alla croce di vetta.

La discesa per Novara avviene su sentiero infestato di piante, talvolta non facilmente riconoscibile.

Bellezza
periodo
Marzo - Novembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
RAGGIUNGIBILITà
PERCORSO

Lasciamo il Centro Le Miniere su strada asfaltata e cominciamo la lunga salita (in tutto 400 m D+ ca.) sui tornanti. Dopo un paio di km, abbandoniamo la strada asfaltata in prossimità di alcune baracche e prendiamo il tracciolino sulla sinistra. Da qui in poi la salita si fa ben ripida e su traccia pressoché inesistente (priva di segnaletica), infestata di piante. Occorre orientarsi a vista, indovinando i passaggi tra i rovi, le ortiche e le buche scavate dai cinghiali; la tratta non è affatto semplice.

Infine giungiamo su un ampio pianoro erboso, al cui centro si trova una fontana, popolato di pecore e cavalli al pascolo; sterziamo verso ovest e poco dopo giungiamo comodamente al colletto ai piedi della maestosa Rocca Novara (1.340 m), una spettacolare piramide di roccia che gli isolani chiamano anche "il Cervino di Sicilia". I più esperti possono raggiungere la croce di vetta percorrendo il sentierino lungo la parete sud (150 m D+ ca.). A nord, una a una, fanno capolino le Eolie.

Dal colle iniziamo a scendere (550 m D- ca.), dapprima su larga strada sterrata, quindi proseguiamo in linea retta su piccolo sentiero lungo la dorsale, costeggiando una recinzione, per rientrare perciò, superando un cancello, sulla sterrata e giungere a Contrada Poma. Torniamo su sentierino non sempre visibile e, superando diversi cancelli  (ricordiamoci di richiuderli, sempre), ci addentriamo sempre più nel bosco che porta a Novara di Sicilia, splendido borgo dell'entroterra siculo.

COSA SAPERE

Lo splendido borgo di Novara di Sicilia è ricco di edifici, palazzi nobiliari e chiese, strade, fontane, dove si nota l'abile uso della pietra.

Il borgo è infatti famoso per essere gli scalpellini, in dialetto scarpilleu, un mestiere che è stato tramandato nei secoli. L'arte dell'intaglio della pietra di Novara è specializzata nella lavorazione dell'arenaria.

Oggi cinque anni nel borgo di Novara di Sicilia si festeggia la solenne Apoteosi dell'Assunta. In questa occasione le quindici statue dei santi che sono sparse nelle chiese cittadine vengono radunate nel duomo dove restano 15 giorni.

COSA VEDERE

La più grande chiesa di Novara è il Duomo di Santa Maria Assunta, sopravvissuto a numerosi terremoti e che ha visto numerose modifiche nel corso dei secoli.

Davanti l'altare maggiore si apre la cripta, a cui si può accedere attraverso una botola, al cui interno è possibile vedere le mummie di preti e canonici della parrocchia - impressionanti! Le mummie si mantengono nonostante il contatto con l'aria: non sono mummificate ma essiccate eliminando tutti i liquidi dal corpo; nella stanza si possono vedere i colatoi usati per la pratica, che poteva avvenire anche all'interno delle nicchie stesse.

A valle del paese si situa il mulino ad acqua Giorginaro, datato 1690, ultimo dei 14 che venivano alimentati dal torrente San Giorgio.

Il sistema di canalette che alimenta i mulini fu costruito dagli Arabi e sfrutta la pressione alimentata da una serie di vasche di raccolta, che finisce in un imbocco che si stringe da tre metri a sei centimetri (saitta). L'acqua a pressione che ne fuoriesce alimenta la ruota orizzontale del mulino.

In particolare qui veniva macinata la timilia, una varietà di grano antico di cui oggi si sta tentando il recupero. Un'altra particolarità del mulino è che ogni cliente portava un santino del suo santo protettore e lo attaccava alla macina, in segno di buon auspicio - ancora oggi è possibile vedere i santini appesi.

COSA MaNGIARE

Prodotto simbolo di Novara di Sicilia è il maiorchino, un formaggio ovino-caprino dalle grandi capacità di invecchiamento - può stagionare fino a trentasei mesi. Deve il suo nome alla maiorca, varietà di grano antico ormai quasi scomparsa; un tempo si diceva che il formaggio più buono veniva dai pascoli dei campi di maiorca.

Oggi lo storico pecorino è inserito tra i presidi Slow Food, non solo per le sue eccellenti qualità, ma anche per la tradizione del gioco della ruzzola: nei giorni di carnevale si tiene il "torneo del Maiorchino", in cui gli abitanti del paese si sfidano a lanciare la forma di maiorchino dalla piazza del paese fino al mulino Giorginaro - chi riesce nell'impresa (compiendo meno lanci) è il vincitore del torneo.

DOVE DORMIRE

B&B Il Gattopardo, a Novara di Sicilia. Tel. 339 811 8820

Bed & Breakfast Noa, a Novara di Sicilia. Tel. 0941 650974

COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.

Punto di partenza NON raggiungibile in bus.

La località raggiungibile con il bus più vicina è Fondachelli Fantina (Evangelisti Rubino), partendo dalla città di Messina con cambio a Barcellona Pozzo di Gotto.

Qui il LINK per controllare gli orari.

Punto di partenza NON raggiungibile in treno.

“Mario e suo padre Ugo (88 anni portati splendidamente) ci raccontano con orgoglio il loro lavoro al mulino Giorginaro”

Sostieni il progetto

Contribuisci alla crescita del progetto!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo più di 7.000 chilometri, si può realizzare, insieme: la nostra spedizione sul Sentiero Italia ne è stata la prova!

Va’ Sentiero è un progetto nato dal basso e cresciuto grazie al contributo spontaneo di migliaia di persone che hanno creduto in noi.

Ora, che abbiamo concluso la nostra prima spedizione e dimostrato la nostra credibilità, vogliamo continuare a perseguire il nostro ideale, promuovendo la montagna come laboratorio di innovazione e tutela ambientale.

Come?
Facendo ciò che ci viene meglio: camminare, scoprire, raccontare, creare connessioni, ispirare.

Aiutaci a far crescere il progetto, diventane parte!

SOSTIENI VA' SENTIERO