Text Link

Tappa

105

La Thuile - Planaval

Lunghezza
24.1
Km
Difficoltà*
EE
Dislivello*
+
2233
m
-
2109
m
*Cosa vuol dire?

Il simbolo + indica il dislivello positivo (cioè in salita) complessivo della tappa; il simbolo - quello negativo (cioè in discesa).

* Cosa vuol dire?Scarica la traccia GPX
50387626
{"center_lon": 7.0188315, "zoom": 12.175924148024786, "center_lat": 45.693111}
Punto di partenza
Punto d'arrivo
Punto acqua
Struttura ricettiva
Punto interesse

Tappa ancora più dura della precedente: alla lunghezza si aggiungono ben tre salite impegnative, con un dislivello complessivo davvero impressionante; per fortuna è possibile spezzarla.

Ancora una volta i paesaggi sono di inaudita bellezza: oltre alle magnifiche cascate del Rutor, spicca il ghiacciaio che le origina. A coronare il tutto, il Col des la Crosatie, da cui avvistiamo tutti i Quattromila valdostani.

Note particolari

Tappa da affrontare nella sua interezza solo se ottimamente allenati ed esperti: si consiglia altrimenti di spezzarla al Rifugio Deffeyes. In ogni caso è bene partire prima dell’alba.

Alcuni brevi tratti di salita lungo le Cascate del Rutor sono attrezzati con corde e scalini (molto facili).

L’ultimo tratto di salita al Col de la Crosatie è ripido e attrezzato, con qualche passaggio esposto.

Unico punto d’acqua al rifugio Deffeyes: portarne ottima scorta.

Bellezza
periodo
Giugno - Settembre
PERCORRIBILITà
INTERESSE
paesaggistico
RAGGIUNGIBILITà
paesaggistico
PERCORSO

Partiamo con un lungo tratto su strada in piano (o quasi), camminando verso sud lungo il Torrente Rutor. Giunti alla depressione di La Joux, la vista si apre e scorgiamo le imponenti cascate del Rutor. Sull’Alta Via 2, attacchiamo la salita (900 m D+ circa) al Rifugio Deffeyes, abbastanza decisa ma su ottimo sentiero (alcuni brevissimi tratti sono attrezzati con scalette). Oltrepassiamo ben tre cascate, gigantesche. Dalla terza, anziché seguire l'AV2, calchiamo il piccolo sentiero che risale il Torrente Rutor per arrivare così al pianoro dei Lac de Seracs e Lac du Ruitor, subito dopo il quale arriviamo al bel Rifugio Deffeyes (dove i più stanchi possono fermarsi: la tappa è ancora molto lunga e faticosa). Di fronte, l'immenso ghiacciaio del Ruitor.

Ripartiamo lungo la Comba des Usselettes, verso il Passo Alto. La salita (350 m D+ circa) è impegnativa, ma priva di difficoltà tecniche (occhio solo a non perdere la traccia: teniamo sott’occhio i segnavia); l’ultimo tratto, su ghiaione, è un poco sdrucciolevole. Il Passo Alto (2.856 m) ci premia con uno splendido scorcio sui sottostanti Lacs des Usselettes.

La successiva discesa è lunga (800 m D- circa) e ripida, su sentiero misto pietraia, fino alla piana dell'ex Bivacco Primoud. Da lì infatti riparte la seconda, consistente salita (800 m D+ circa) al Col des la Crosatie: una rampa lunga ma regolare, su ottimo tracciato. L’ultimo tratto è su pietraia, più ripido ed esposto (e infatti attrezzato con un cavo di sicurezza).

Dal Col des la Crosatie (2.826 m) la vista è spaziale e abbraccia tutti i Quattromila valdostani. Per i palati insaziabili, la vicina Pointe De la Crosatie (2.926 m) offre un panorama a 360°. 

Approcciamo quindi la lunga discesa (1.250 m D- circa) su bel sentiero. Il tratto successivo al Lac du Fond, lungo il Torrente du Fond, è molto godibile e bucolico. Infine siamo a località Clusaz, da cui percorrendo un breve tratto di strada, giungiamo a Planaval.


COSA SAPERE

Il ghiacciaio del Rutor è il terzo della Valle d’Aosta e misura ben 829 ettari. Per la sua estensione regolare e pianeggiante è visibile da buona parte delle vette valdostane e viene utilizzato dai piloti per esercitazioni di atterraggio su ghiaccio.


Sul promontorio roccioso che domina il Lago Rutor sorge la Cappella di San Grato e Santa Margherita.

Tra il XVI e il XVII secolo ci fu un innalzamento della temperatura che, sciogliendo parte del ghiacciaio del Rutor, provocò una terribile slavina che travolse il villaggio di La Thuile. In seguito a questa tragedia il Vescovo d’Aosta concesse l’ostensione delle reliquie di San Grato in una processione al Lago Rutor, per chiedere la protezione divina contro la forza devastatrice delle valanghe e delle slavine.


COSA VEDERE

Le Cascate del Rutor sono un autentico prodigio della natura. L’erosione delle acque provenienti dal ghiacciaio hanno scolpito le rocce secondo la loro differente durezza (gli enormi gradini che l’acqua non ha sgretolato sono costituiti da rocce più resistenti all'erosione).


COSA MaNGIARE

La motsetta (o mocetta) è un prodotto tipico della Valle d'Aosta: si tratta di un antico salume costituito da un pezzo di carne essiccata in salamoia e insaporita con diverse erbe (aglio, alloro, rosmarino, salvia). Nacque oltre dieci secoli fa dall’esigenza di conservare a lungo la carne per il fabbisogno invernale della famiglia.

Ne esistono varie tipologie, a seconda della stagionatura e della della carne, che può essere di bovino ma anche di capra, pecora, asino, cavallo, oppure di selvaggina (camoscio e stambecco).


DOVE DORMIRE

Rifugio Deffeyes, poco sopra il Lac du Rutor. Tel. 0165 884239

Paramont Hotel, a Planaval. Tel. 0165 97106


COME ARRIVARE

Punto di partenza raggiungibile in macchina.


Punto di partenza raggiungibile in bus, partendo dalla città di Aosta con cambio a Prè Saint Didier. 

Qui il LINK per controllare gli orari.


Punto di partenza NON raggiungibile in treno.


“Le assordanti cascate del Rutor sono al contempo spettacolari e terrificanti: ci mettono di fronte alla nostra finitezza umana”

Sostieni il progetto

Contribuisci al successo della spedizione Va' Sentiero!

Anche il più complicato dei sogni, un sogno lungo 7.000 Km, si può realizzare, insieme. 
Contribuisci anche tu al nostro crowdfunding, ricevi le bellissime ricompense!

SCOPRI e sostieni